Home / Rimini / Itinerari a Rimini

Rimini è è storia, è cultura, è tradizione, è il mare e l’entroterra. Una città fatta di tante anime, a dargliele è stata la storia, sono state le persone che ci sono nate, che l’hanno amata e fatta conoscere in tutto il mondo e le migliaia di persone che ogni anno la scelgono, la visitano e la rendono viva.

ITINERARI CITTADINI

Itinerario Romano

Il centro storico di Rimini può essere percorso alla scoperta della storia e delle testimonianze rimaste dell’esistenza dell’antica Ariminum.
Ai due estremi di Corso d’Augusto si trovano l’Arco d’Augusto, antica porta della città, e il Ponte di Tiberio. Nel percorso che va dall’uno all’altro si passa da piazza Tre Martiri, antico foro dove sono visibili tracce del selciato romano e in piazza Ferrari, dove si trova la Domus del Chirurgo, una villa del II secolo d.C ricca di mosaici e reperti di grande valore storico. Il vicino Museo della città ospita la collezione degli strumenti medici antichi più grande del mondo. Non lontano si trovano anche i resti dell’anfiteatro, parzialmente distrutti durante la Seconda Guerra Mondiale.

  • Tour virtuale: il tour della Rimini Romana può essere anche fatto virtualmente. Nel centro storico, infatti, trova casa il Visitor Center di “ARimini”, organizzato per stazioni narranti dove osservare le mappe dell’antica città romana e alcuni reperti, utilizzare sistemi interattivi, una sala didattica e diversi giochi per bambini.
    Corso d’Augusto, 235 – Rimini. Tel. 0541.29833 – info@riminiromana.it.
    Aperto in base alla stagione (orari di apertura); ingresso gratuito.
  • Visite guidate: vengono organizzate visite guidate in diversi periodi dell’anno. Qui il calendario aggiornato.

Itinerario Felliniano

Questo itinerario si sviluppa seguendo le tracce di Federico Fellini, tra i luoghi in cui ha vissuto e quelli che appaiono nei suoi film, tra i luoghi amati e quelli che si rifanno all’immaginario del regista: onirico, opulento, fantasioso, ironico.
Rimini mantiene vive ancora oggi molte suggestioni e atmosfere amate dal regista, anche se gli scorci riminesi in Amarcord e ne I Vitelloni sono stati completamente ricostruiti a Cinecittà. Sono due le anime della Rimini di Fellini, quella a monte della ferrovia, come piazza Cavour e la Rocca Malatestiana – luoghi dei vitelloni e  il borgo dei pescatori di San Giuliano, che ha omaggiato Fellini con affreschi sulle pareti delle case. E poi c’è il mare, la spiaggia, le notti folli, il Grand Hotel. “Delitti, rapimenti, notti di folle amore, ricatti, suicidi. – diceva Federico – Le sere d’estate il Grand Hotel diventava Istanbul, Baghdad e Hollywood”.

  • Cinema Fulgor: nel 2018 un altro pezzo della Rimini felliniana è stato riportato alla luce. Si tratta del Fulgor, cinema che Fellini frequentava da bambino, rimasto chiuso a lungo per diverse vicissitudini e riportato alla luce dopo 5 anni di restauri, seguiti dal premio oscar Dante Ferretti. Il Fulgor ospita due sale cinematografiche (Federico e Giulietta) in stile Hollywood anni ‘ 30 e  un bel foyer con scalinata che conduce ai posti balconati della sala Federico.
    Il cinema si trova nel centro storico (Corso d’Augusto, 162 – tel. 0541.709545) e viene impiegato per proiezioni cinematografiche ed eventi culturali. Vengono organizzate visite guidate su richiesta per gruppi minimi di 15 persone (costo 7€, durata 30’) e in alcuni periodi (estivo e festivi) rientra nel tour della rimini felliniana.
  • Museo Internazionale Federico Fellini: il museo apre i battenti a gennaio 2021. Si tratta di un museo diffuso che coinvolge diversi punti del centro cittadino: Castel Sismondo, Palazzo Valloni e la “Piazza di Sogni” allestita all’aperto (nella parte antistante Castel Sismondo) con una serie di installazioni che richiamano al mondo onirico e fantastico di Federico Fellini.

ENTROTERRA E NATURA

  1. San Marino
    “Benvenuti nell’antica terra della libertà” si legge sul portale d’ingresso di San Marino, a Dogana. Piccolo stato autonomo alle spalle di Rimini, San Marino ha una graziosa città antica (Patrimonio Unesco), proprio in cima al Monte Titano, cinta di mura e con tre torri sui cucuzzoli della montagna. Famoso per i negozi di armi medievali, lo shopping e i bellissimi panorami, San Marino non necessita di passaporto per entrare. La moneta impiegata è l’euro (www.sanmarinosite.com).
  2. Santarcangelo di Romagna
    Grazioso borgo medievale a circa 10 km da Rimini, merita una visita per diversi motivi. La presenza di una Rocca che risale all’epoca malatestiana incastrata in un centro storico di piccoli vicoli, botteghe artigianali, osterie e locali tipici. Caratteristiche sono le grotte tufacee, in parte visitabili, scavate in tempi antichi e di cui ancora non si è compreso appieno il significato. Nei suoi ristoranti si può gustare la migliore cucina romagnola,si segnalano: La Trattoria del passatore, La Sangiovesa, i Lazaroun.
    Leggi il tour di Santarcangelo di Romagna
  3. Rocche e Castelli
    La Rocca Malatestiana di Rimini e le torri di San Marino sono due delle tante testimonianze di guerre e popoli che hanno attraversato la Romagna dall’antichità al tardo medioevo. Si può visitare l’entroterra alla ricerca di queste tracce. Verso nord lungo la via Emilia si può visitare Santarcangelo di Romagna. Verso ovest, lungo la Via Marecchiese si possono visitare la rocca di Verucchio, Torriana, Montebello, Sant’Agata Feltria e San Leo. Verso sud: Montefiore, Onferno e Mondaino.
    Leggi l’itinerario “La Romagna delle Fortezze”
  4. La Valmarecchia e l’Osservatorio Naturalistico
    Il Marecchia (piccolo mare) è il fiume di Rimini. Si può seguire a ritroso, dalla città alla sorgente, passando per territori affascinanti, fino al confine con la Toscana dove si trova anche la sorgente del Tevere. Gran parte del fiume è costeggiato da una pista ciclabile; in auto invece si può percorrere la Via Marecchiese che lo affianca passando attraverso borghi storici come Verucchio, Talamello e Pennabilli. A Poggio Torriana (Via Vicinale Scanzano, 4 – tel. 347.4110474) si trova l’Osservatorio Naturalistico Valmarecchia che presenta la Valmarecchia e la sua evoluzione attraverso: allestimenti, giochi interattivi, acquaterraio con specie animali e vegetali autoctone, un grande plastico, la ricostruzione di rocche e castelli e una collezione di fossili del Pliocene. L’osservatorio organizza anche escursioni lungo i sentieri dell’oasi e della vallata, accompagnati da guide ambientali, ed escursioni notturne.

DA NON PERDERE

  • Motonave Lady Cristina –  attracca alla banchina del Bagno 41 (Marina Centro), Bagno 100 (Marebello) e 139 – 140 (Miramare). Effettua ogni giorno escursioni panoramiche lungo la costa, gite a Pesaro, Baia degli Angeli, Cattolica Gabicce e crociere notturne. Tel. 324.6188198. 
  • Motonave Bella Rimini – attracca al Bagno 72 (Torre Pedrera), Bagno 39 (Viserbella), 19 (Viserba) e 7 (Rivabella). Tra le escursioni proposte ci sono: escursione lungo la costa, Cattolica, Portoverde, Gabicce, Cesenatico, Porto di Rimini con visita all’acquario, Riccione con visita a Oltremare, piattaforma metanifera. Tel. 336.271517.